MANTOVA
castello di San Giorgio


Entrando dal Ponte di San Giorgio la mole rossastra del Castello da quasi la sensazione che il tempo si sia fermato al Medioevo quando regnavano i Gonzaga che per quattrocento anni altalenarono tra glorie e sconfitte.
La costruzione della possente mole del Castello ebbe inizio nel 1395 a opera di Bartolino da Novara. Il Castello sorse in città e rappresenta una perfetta coniugazione tra necessità di creare una valida difesa e quella di manifestare la propria potenza.
Bartolino decise di far sorgere il Castello presso l'entrata del ponte per garantirne la sua protezione, per essere un punto di avvistamento sull'intero bacino lacustre e per diventare un rifugio sicuro in caso di sommosse interne ed esterne.
Il Castello è stato progettato a pianta quadra, con quattro torri angolari e controtorri che difendono le tre porte di ingresso munite di ponti levatoi.
Il Castello non fu adibito solo a scopo difensivo, ben presto cominciò a diventare parte integrante del più ampio Palazzo Ducale.
L'architetto fiorentino Luca Fancelli realizzò l'elegante portico rinascimentale che cinge il Castello sui due lati settentrionali che cingono il cortile del Castello di San Giorgio.

Di seguito:

Pianta del Castello di San Giorgio con l'elenco delle stanze più importanti.
Visita interna al Castello.




logo.gif (2485 byte) Copyright®  Mnet S.r.l.
E-mail:
webmaster@mynet.it
07/04/99 09.03

Aut. Min. N° 000116 del 14/10/96
Dlgs N°103 del 17/03/95 direttiva 90/388/CEE